Ausili per Disabili
Ausili per Disabili

Il Servizio sanitario nazionale eroga alle persone disabili o a quanti ne hanno necessità anche per un periodo limitato l’assistenza protesica e integrativa prevista nei Livelli essenziali di assistenza.

Questo tipo di assistenza mette a disposizione del cittadino quattro tipologie di dispositivi:

  • gli ausili: si tratta di strumenti, utensili o apparecchiature che permettono alla persona disabile di compiere un atto che non potrebbe fare in condizioni normali (ad esempio carrozzina)
  • le protesi: sono quelle apparecchiature che sostituiscono parte mancanti del corpo
  • le ortesi: sono apparecchiature che migliorano la funzionalità di una parte del corpo compromessa (ad esempio scarpe ortopediche)
  • i presìdi: sono oggetti che aiutano a prevenire o curare determinate patologie (ad esempio catetere per l’incontinenza, ausili per assorbimento urina).

Il Servizio sanitario nazionale ha individuato in un elenco, chiamato Nomenclatore tariffario, i dispositivi indispensabili che possono essere forniti gratuitamente alle persone che ne hanno necessità.
L’Azienda sanitaria locale fornisce gratuitamente e direttamente ausili, protesi e ortesi. Mentre per i presidi è necessario rivolgersi ad un medico specialista (in alcune Regioni la prescrizione può essere effettuata dal medico di famiglia).

I dispositivi protesici per gli invalidi sul lavoro sono invece garantiti dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail).

Il Nomenclatore classifica questi dispositivi in tre gruppi:

  • dispositivi su misura, che vengono realizzati secondo la prescrizione medica
  • dispositivi di serie, che non richiedono l’intervento tecnico per essere personalizzati
  • dispositivi acquistati dalle Asl e dati in comodato d’uso (ad esempio ventilatori polmonari, montascale).

La Asl su prescrizione del medico può comunque fornire anche altri dispositivi che non sono compresi in questi elenchi.

Unica precisazione da fare è che il nomenclatore porta la data del 1999, da allora tanto è cambiato dal costo della vita agli ausili, speriamo bene in futuro per il bene sociale.